top of page

Un'assicurazione obbligatoria per tutti – l'AVS

Aggiornamento: 15 mar

L'AVS è un'assicurazione generale e obbligatoria che copre tutti coloro che vivono o lavorano in Svizzera. È quindi importante sapere come funziona.


La nascita dell'AVS risale al 1925, quando i cittadini svizzeri approvarono una modifica costituzionale per istituire un’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti. L'AVS fu poi introdotta il 1° gennaio 1948 e da allora furono erogate le prime pensioni.


L'AVS si basa principalmente sul principio di solidarietà intergenerazionale. I contributi della popolazione attualmente in età lavorativa finanziano le pensioni correnti, con la previsione che le generazioni future faranno lo stesso. Questo concetto è anche conosciuto come contratto generazionale. Ma la solidarietà all'interno dell'AVS va oltre. Coloro che guadagnano di più contribuiscono con una quota più elevata rispetto a quanto necessario per la propria pensione, mentre le persone con redditi più bassi ricevono più benefici di quanto coperto dai loro contributi. Ciò consente una certa redistribuzione del reddito tra benestanti e più bisognosi. I crediti per l'educazione e la cura promuovono ulteriormente la solidarietà, in quanto le persone senza figli sostengono le madri e i padri e coloro senza incarichi di assistenza sostengono coloro che si occupano di parenti bisognosi di cure. La divisione del reddito tra coniugi promuove la solidarietà tra i coniugi stessi per quanto riguarda i contributi AVS.

Finanziamento dell’AVS

L'AVS viene finanziata tramite il sistema di ripartizione degli oneri. Ciò significa che i contributi prelevati vengono ridistribuiti nello stesso arco di tempo sotto forma di prestazioni agli aventi diritto. A differenza della previdenza professionale o del terzo pilastro, con questo sistema di finanziamento non si accumula capitale nel corso del tempo. Annualmente l'AVS distribuisce all'incirca quanto riscuote.


L'AVS è un'assicurazione sociale generale e obbligatoria per tutte le persone che vivono e/o lavorano in Svizzera.


Sono obbligati a iscriversi all'AVS:

  • Donne e uomini che lavorano in Svizzera, inclusi i frontalieri e i lavoratori ospiti.

  • Persone che vivono in Svizzera, compresi bambini e altri non occupati come studenti, persone con disabilità, pensionati, casalinghe e casalinghi.

Esistono regolamenti speciali per i lavoratori che vivono all'estero e lavorano per un datore di lavoro residente in Svizzera, così come per i loro coniugi non occupati che li accompagnano. Gli studenti che vanno all'estero per motivi di studio possono mantenere la loro assicurazione a determinate condizioni.


I cittadini svizzeri, dell'UE o dell'EFTA che vivono al di fuori dell'UE o dell'EFTA, possono assicurarsi volontariamente presso l'AVS per evitare future riduzioni delle pensioni dovute a lacune contributive. Informazioni a riguardo possono essere ottenute presso le ambasciate e i consolati svizzeri. Per i cittadini dell'UE o dell'EFTA e di altri paesi con i quali la Svizzera ha firmato accordi di previdenza sociale, si applicano alcune disposizioni speciali.


Sono tenute al pagamento dei contributi tutte le persone assicurate presso l'AVS, ad eccezione dei bambini, i quali sono assicurati e hanno diritto alla rendita per figli e orfani pur non dovendo versare alcun contributo.


Anche le persone sposate senza reddito proprio sono tenute al pagamento dei contributi se il coniuge con reddito lavorativo non versa almeno il doppio del contributo minimo all'AVS. Lo stesso vale per gli assicurati che lavorano nell'azienda del coniuge senza retribuzione.


I contributi dei dipendenti vengono detratti dal datore di lavoro ad ogni pagamento, insieme al contributo del datore di lavoro, e inviati alla cassa di compensazione. I lavoratori autonomi versano i contributi direttamente alla cassa di compensazione. I contributi sono calcolati in base al reddito secondo la valutazione dell'imposta federale diretta. La cassa di compensazione determina se una persona è un lavoratore autonomo ai sensi dell'AVS.


I non occupati versano contributi in base al loro reddito sostitutivo e al loro patrimonio. I non occupati e gli autonomi devono iscriversi autonomamente alla cassa di compensazione.


I lavoratori iniziano a versare i contributi dal 1° gennaio successivo al compimento del loro 17° compleanno fino al termine della loro attività lavorativa. Per le persone in età pensionabile, si applicano regolamentazioni speciali. I non occupati versano contributi dal 1° gennaio successivo al compimento del loro 20° compleanno fino al raggiungimento dell'età pensionabile ordinaria.

Per i pensionati che lavorano è prevista una franchigia sulla quale non vengono riscossi contributi.


Il reddito annuo su cui vengono versati i contributi AVS serve come base per il successivo calcolo della pensione. Le casse di compensazione tengono un conto individuale (CI) per ogni persona tenuta a versare i contributi, al fine di tenere traccia dei pagamenti dei contributi.


Prestazioni dell'AVS

Il diritto alla pensione di vecchiaia inizia il primo giorno del mese successivo al raggiungimento dell'età pensionabile ordinaria e termina solo con il decesso

dell'avente diritto. L'età ordinaria di pensionamento è di 64 anni per le donne (al 2023) e di 65 per gli uomini. A partire dal 2024, entrerà in vigore la nuova età pensionabile per le donne.


Le pensioni per figli sono previste per persone con figli e figlie a carico che non abbiano ancora compiuto il 18esimo anno di età o che non abbiano ancora completato il ciclo di studi e comunque non oltre il compimento del 25esimo anno di età. Non si ha diritto alla pensione per figli allo scattare della pensione di anzianità e in caso di pensionamento anticipato.


Se una persona percepisce la pensione di anzianità uno o due anni prima dell'età pensionabile ordinaria, la pensione viene ridotta per tutto il periodo in cui viene percepita. Al contrario, chi posticipa la pensione di uno a massimo cinque anni riceve una pensione aumentata. L'importo esatto della riduzione o dell'aumento viene calcolato secondo principi attuariali. Nel caso di coppie sposate, è possibile che un coniuge percepisca la pensione in anticipo, mentre l'altro la posticipi.


Importante

Se volete assicurarvi che la vostra storia contributiva sia completa o che i contributi dedotti siano stati trasferiti correttamente alla cassa di compensazione, potete richiedere un estratto conto alla cassa di compensazione. Di norma, questa operazione serve anche a garantire il controllo e la trasparenza dei propri contributi e dei propri diritti alla pensione e dovrebbe essere effettuata in media ogni 10 anni.

Per coloro che desiderano richiedere la pensione di anzianità, è consigliabile farlo circa 3 o 4 mesi prima del raggiungimento dell'età pensionabile. L'elaborazione può richiedere del tempo, poiché la cassa di compensazione deve ottenere i documenti necessari e calcolare l'importo della pensione.


In conclusione

In sintesi, l'Assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS) è un pilastro imprescindibile della sicurezza sociale in Svizzera. Non solo garantisce un sostegno finanziario in età avanzata, ma promuove anche la coesione sociale e la solidarietà tra generazioni.


L'AVS dimostra che la solidarietà sociale e il sostegno sono ancora di vitale importanza. Assicura che le persone anziane e i loro superstiti non cadano in difficoltà finanziarie. L'AVS traduce in realtà l'idea di giustizia sociale e di collaborazione comune.


In un periodo in cui la sicurezza sociale e la coesione sociale sono messe a dura prova in molti paesi, l'AVS svizzera è un esempio lampante di come una società si assuma la responsabilità per i propri membri. L'AVS è un elemento essenziale per una società equa e coesa e dimostra come la sicurezza sociale possa funzionare nella pratica.


Avete domande su questo argomento o volete saperne di più? Contattateci per un appuntamento.

15 visualizzazioni

Comments


bottom of page